IL CINEFILO DI Josè Angel Barrueco. Uno dei giovani talenti letterari spagnoli pubblicato per la prima volta in Italia

 

 

copertina intera

Josè Angel Barrueco è uno degli autori emergenti spagnoli. A breve verrà pubblicato il suo racconto Il Cinefilo per la collana Coup de Foudre diretta da Accursio Soldano.

L’abbiamo intervistato per farlo conoscere al pubblico italiano.

©Yohe Cáceres

Josè Angel Barrueco

 

Chi è Josè Angel Barrueco. Si presenti ai suoi lettori italiani.

José Angel Barrueco è ossessionato dalle storie, dai libri, dai film, dai documentari, dalle serie tv e dal genere “true crime”. Sono cresciuto fin dall’età di 11 o 12 anni all’interno di un cinema, di proprietà dei miei nonni, e da qui è nato il fascino per la narrativa, sia visiva che letteraria. Ha scritto storie prima di studiare giornalismo e ho già pubblicato diversi libri: romanzi, storie, poesie, articoli … Ho fatto l’opinionista nel quotidiano della mia città, Zamora (in Castilla y León), per 10 anni, Adesso continuo a collaborare, scrivo recensioni letterarie e cinematografiche e continuo a scrivere romanzi e storie. Le mie storie sono incluse in più di 60 antologie.

 

A giugno sarà stampato “Il cinefilo” per la collana coup de foudre. Di cosa parla il suo racconto?

È la storia di un uomo che decide di suicidarsi dopo aver perso sua moglie, ma rimanda giorno dopo giorno perché c’è sempre qualche prima cinematografica o qualche film che vuole andare a vedere. In realtà, l’intera storia è una specie di metafora: su come l’essere umano dovrebbe aggrapparsi a qualcosa per non lasciare questo mondo. In questo caso, è il cinema che serve come cibo spirituale ma potrebbe essere qualsiasi altra cosa: letteratura, un’altra donna, la musica, un viaggio intorno al mondo … Qualsiasi ossessione, amore o desiderio che ci eviti il desiderio di farla finita, perché il pianeta è pieno di cose che valgono la pena vivere e vedere, nonostante la crudeltà e gli orrori che lo abitano.

 

Perché ha accettato di partecipare alla collana coup de foudre della Aulino editore?

Ho ricevuto l’invito da Accursio Soldano e, per cominciare, ho pensato fosse meraviglioso che un mio testo fosse tradotto in italiano: questo mi ha reso particolarmente felice. D’altra parte, la serie editoriale mi ha attratto perché sono un lettore e un compratore di questo tipo di libri: poche pagine, fatte con cura e dedizione, in un breve formato …

Lei è il secondo autore spagnolo che sarà pubblicato in questa collana editoriale. Come sta la letteratura in Spagna?

Secondo me stiamo vivendo un momento terribile, anche dannoso per certi aspetti. Si pubblica più di quel che si vende. Le novità, a meno che non siano best-seller, durano solo pochi mesi nelle librerie, e quindi c’è un surplus di libri resi. La maggior parte degli editori poi è interessata a pubblicare traduzioni di scrittori stranieri e pochi scommettono sulla letteratura spagnola. E quei pochi editori che optano per la letteratura spagnola di solito mettono (con alcune eccezioni) un sacco di ostacoli: non ricevono manoscritti non richiesti, pubblicano pochi titoli l’anno, sono limitati a un genere specifico, tendono a pubblicare celebrità o autori amici … Quindi, i principianti, i nuovi autori, hanno sempre più difficoltà ad accedere al mercato e finiscono per pubblicare su Amazon o cadere nelle reti di editori che chiedono soldi per la pubblicazione. Tutto questo deriva da un unico fattore: c’è un eccesso di offerta e poca domanda. In queste condizioni vendere un libro diventa quasi miracoloso.

 

Quali sono i tuoi scrittori preferiti? E quali quelli italiani?

Ce ne sono molti e molto vari. Thomas Bernhard. John Fante Samuel Beckett. Flannery O’Connor. Raymond Carver Louis-Ferdinand Céline. J. D. Salinger. Shirley Jackson. Franz Kafka W. G. Sebald. Albert Camus. William S. Burroughs. Stephen King. A. M. Case. J. G. Ballard. Raymond Chandler. Dashiell Hammett. David Foster Wallace. Ray Bradbury. Lorrie Moore. Miguel de Cervantes. George Orwell. Varlam Shalámov. William Shakespeare. J. M. Coetzee. Thomas Pynchon. Don DeLillo. John Cheever. Francisco Threshold Alexandre Dumas Scott Fitzgerald Esausto Kristof. Georges Perec Javier Marías. Hubert Selby Jr. Patricia Highsmith. Et cetera.Tra gli italiani preferisco Claudio Magris, Natalia Ginzburg, Italo Calvino, Beppe Fenoglio, Antonio Tabucchi, Tiziano Scarpa.

 

Si ringrazia Priscilla Grisafi per la traduzione dell’intervista dallo spagnolo

torino-cinema-ambrosio_01

 

 


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...