ATTILA L’UNNO – l’arco e la spada DI MIRKO RIZZOTTO

di Laura Bonelli

attila-lunno-616137

E’ uno dei personaggi dell’antichità più conosciuto e, a suo modo affascinante, nonostante fosse brutto, tozzo e con le gambe storte, come orribile, selvaggia e brutale era la popolazione a cui apparteneva.

 

Anonimo, Attila the hun

Anonimo, Attila

Attila l’Unno – L’arco e la spada, il saggio di Mirko Rizzotto edito da Graphe.it per la collana I Condottieri racconta la vita, il contesto politico e sociale in cui si mosse un uomo che l’ Occidente, reso da poche centinaia d’anni cristiano, definì flagello di Dio, per la sua manifestazione di forza primordiale antitetica alla mentalità raffinata e opportunista che stava andando a formarsi in quel tempo.

 

Athila, flagelum Dei attribuito a Jerome David, British Museum

Athila, flagellum Dei attribuito a Jerome David, British Museum

La costruzione del libro è resa maggiormente interessante dalle numerose cronache degli scrittori e storici del tempo riportate dall’autore, dalle quali si evincono particolari e gesti della personalità di Attila che danno modo al lettore di costruirsi un’immagine di questo re. Chiarisce punti oscuri come il celebre incontro con papa Leone Magno, unico uomo che riuscì a fermarlo.

 

Attila in the Chronicon Pictum. Public Domain. Courtesy of Wikipedia

Attila in the Chronicon Pictum. Public Domain. Courtesy of Wikipedia

E’ un mondo di profezie e violenza quello vissuto dagli Unni, uomini simili ad animali che mangiavano, facevano riunioni, praticamente vivevano su cavalli brutti, portavano vesti mal tessute fino alla consunzione e avevano carri come abitazione. Eppure questo istinto a vivere allo stato brado, scevro da sovrastrutture mentali ma non privo di acume e intelligenza, risveglia archetipi che ancor oggi non sembrano morti o trasformati ma permangono sopiti nelle profondità dell’essere umano.

 

mirko-rizzotto-275778

Mirko Rizzotto


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...