6 GIORNI DI STEFANO VALENTE. Riflessioni sulla guerra.

6-giorni-gh

 

di Florentina Camussi

Distante dagli stereotipi di narrazione bellica. Lontanissimo dalle storie di imprese eroiche, di solidarietà fraterna nelle difficoltà, lo scrittore Stefano Valente nel suo romanzo 6 GIORNI (Graphofeel)  racconta la guerra cattiva, quella fatta di devastazione, annichilimento. Gli ultimi 6 giorni di cammino di due uomini, in fuga dall’orrore. Personaggi opposti, i due protagonisti si troveranno spalla a spalla in un viaggio pieno di insidie, in cui allucinazione e realtà si confondono. Straniante, tesissimo e, a tratti, volutamente disturbante, il libro è scritto con uno stile unico e porta il lettore ad una riflessione filosofica sul senso della guerra, della morte e della libertà. Si esce dalla lettura col desiderio di voler contribuire alla pace, cominciando da quel doppio che abbiamo dentro di noi che anela il paradiso e spesso vive in una prigionia infernale.

 

Stefano Valente bn.jpg

(Stefano Valente)

 


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...